Sisal con Fondazione Veronesi per combattere il tumore al seno

Sisal Pink is good-Fondazione Veronesi

In tanti vorranno sapere se in questo mio riflettere, e studiare, e impegnarmi incessantemente per tante cause, ho trovato il senso della vita. Sì, ho una risposta: la vita forse non ha alcun senso. Ma proprio per questo la passiamo a cercarne uno.
Umberto Veronesi

Il progresso, la ricerca scientifica, l’attenzione per la comunità: sostenere valori come questi rappresenta un prezioso strumento per la crescita della realtà sociale in cui si opera, con ulteriore sensibilità quando si parla di salute e benessere delle persone. Del resto, la lampadina stessa della prevenzione è insita nella ricerca.

Se supportata, i risultati positivi non si lasciano certo attendere. È il caso del sempre più frequente cancro al seno che viene diagnosticato ogni anno in Italia a circa 48mila donne. La maggior parte di queste storie, fortunatamente, hanno un lieto fine; se questo è possibile, però, è soprattutto merito degli ultimi 20 anni di intensa ricerca che hanno raddoppiato le guarigioni. Si tratta di un risultato scientifico sorprendente, applaudito da un’ondata di sano ottimismo. Se la malattia è individuata in fase iniziale, infatti, nel 98% dei casi sarà più semplice curarla. E pensare che si potrebbe arrivare al 100%…

È qui che entra in gioco il contributo di Sisal che, per il sesto anno consecutivo, si schiera al fianco di Fondazione Umberto Veronesi, fornendo il proprio sostegno alla raccolta fondi destinata al progetto Pink is Good, lanciato nel 2013 per sconfiggere il tumore al seno.

Il progetto della Fondazione Umberto Veronesi nasce con un duplice obiettivo. Le due strade che intende percorrere sono il sostegno concreto della ricerca scientifica, attraverso il finanziamento con borse di ricerca per medici e scienziati che dedicano la propria vita allo studio e alla cura del tumore al seno, e la prevenzione attraverso una corretta informazione sul tema in modo serio, accurato e sempre aggiornato.

Oltre alla possibilità di sostenere la ricerca acquistando i prodotti che espongono il marchio “Pink is Good”, fino a domenica 8 ottobre, presso le ricevitorie della rete Sisal distribuite sul territorio nazionale, sarà possibile contribuire alla raccolta fondi attraverso donazioni libere, in maniera disgiunta dal gioco. Sulla ricevuta sarà specificato che nessuna commissione verrà detratta da parte dei rivenditori e di Sisal. L’intero incasso verrà infatti trasferito alla Fondazione Umberto Veronesi.

Il sostegno di Sisal, oltre a supportare la Fondazione Umberto Veronesi,si rivolge al progetto intrapreso dal ricercatore Attilio Marino presso l’Istituto Italiano di Tecnologia di Pontedera (Pisa), dal titolo “Stimolazione con nanoparticelle piezoelettriche contro la prolificazione di cellule del tumore mammario”. L’iniziativa che fa da spalla all’impalcatura di “Pink isgood” rientra nel più ampio programma di Responsabilità Sociale del Gruppo all’interno dell’area di intervento Sisal per la Ricerca, che ha lo scopo di sensibilizzare e promuovere raccolte fondi presso il pubblico, attraverso l’utilizzo della capillare rete Sisal.

RS

SHARE THIS