Responsabilità sociale, quando
il business si fa sostenibile

Sisal-Responsabilità-Sociale-2016

Cosa si intende per sostenibilità e perché per un’azienda è importante compiere scelte sostenibili? Solitamente si tende a concentrare l’attenzione sulla sfumatura lessicale del termine più nota, quella connessa al tema sempre attuale dell’ecologia. Sebbene questo resti un aspetto piuttosto importante del ritratto della sostenibilità, non è tuttavia l’unico. Tra le prerogative principali di una realtà aziendale consolidata, oggi, non c’è più soltanto la tutela dell’ambiente.

A questo filo di seta vanno a intrecciarsi una strategia economica che rispetti le condizioni ambientali integrata da un intervento proattivo e concreto all’interno della società stessa, tradotto in iniziative di solidarietà, progetti sportivi, contributi culturali per il Paese in cui si opera.

Il racconto di un bilancio sociale, quindi, non è una sterile trasmissione di dati bensì la dimostrazione concreta di essere in prima persona attori socialmente responsabili. È su questa linea di pensiero che il 19 settembre a Roma è stato presentato, nella forma di un seminario a porte chiuse dedicato alle istituzioni e alla stampa, il Rapporto di Sostenibilità Sisal 2016,  con la presenza dell’amministratore delegato, Emilio Petrone, e con l’intervento del sottosegretario del Ministero dell’Economia e delle Finanze Pier Paolo Baretta. Sisal ha scelto di raccontare in maniera lineare e pulita le principali iniziative intraprese nel corso del 2016, focalizzandosi soprattutto sul contributo e sulla capacità di creare valore condiviso per la società e il Paese, mission che porta avanti dal 1946.

Tra le scelte sostenibili di maggiore rilevanza c’è senza dubbio la promozione di un modello di gioco equilibrato e consapevole, sicuro e divertente. Per quella che si configura come la prima azienda italiana operante nel settore del gioco come concessionario dello Stato, la centralità del programma di Gioco Responsabile, focalizzato sull’intrattenimento, sul divieto di gioco ai minori, sulla tutela delle fasce di consumatori più vulnerabili, e sulla prevenzione e contrasto del gioco illegale, è un elemento inderogabile. Sisal rimane fra i pochi operatori in Italia (solo 2) ad avere ottenuto il rinnovo delle prestigiose certificazioni da parte di EL – European Lotteries e WLA – World Lottery Association al massimo livello, secondo gli International Standards sul Responsible Gaming. Il percorso di certificazione è stato analizzato e presentato durante l’incontro dall’ente terzo certificatore PWC, attraverso l’intervento di Giuseppe Garzillo, Senior Partner PWC.

Accanto al gioco responsabile compare un secondo tema sensibile: la valorizzazione della cultura, del talento e dei valori positivi del gioco e dello sport. In quest’ottica nasce il progetto “Oltre il gioco”, promosso da Sisal insieme a Roma Cares e AS Roma, per supportare la “Liberi Nantes Football Club“, prima squadra di calcio in Italia interamente composta da rifugiati e richiedenti asilo e riconosciuta dal 2007 dall’UNHCR. E “We all football”, l’iniziativa realizzata insieme alla Juventus Football Club, A.S.Roma e il Brescia Calcio Femminile, che sostiene la parità di genere e le pari opportunità in ambito sportivo.

Da molti anni, inoltre, Sisal mette a servizio della solidarietà la propria rete di ricevitorie per dare vita a campagne di sensibilizzazione e raccolta fondi a supporto della ricerca scientifica. Da 17 anni sostiene AIRC; per il quinto anno supporta l’iniziativa “Pink is good” della Fondazione Veronesi; da 12 anni è al fianco di Telethon.

 

Iniziative, queste, che nascono dal bisogno spontaneo di condividere con le persone non soltanto il tempo libero ma qualcosa che va ben oltre, perché se affermarsi portatori di un divertimento sano è per Sisal imprescindibile, ribadire il proprio impegno sociale per la comunità è ugualmente rilevante.

In nome di questo legame profondo con il territorio, anche in momenti di forte crisi, sopraggiunge un progetto di sostegno a favore del Comune di Amatrice per far fronte dell’emergenza terremoto, che ha colpito le zone del Centro Italia.

Una storia, insomma, fatta di passato, presente e futuro. Il 2016, infatti, è l’anno che strizza l’occhio all’accordo tra Sisal e Agenzia per l’Italia Digitale, per partecipare al progetto PagoPA: iniziativa strategica per la digitalizzazione della Pubblica Amministrazione, che consente a cittadini e imprese di effettuare e gestire pagamenti in modalità elettronica con estrema sicurezza e semplicità, attraverso la capillarità dei Servizi Sisal.

Attenta ai cambiamenti della società e alle nuove esigenze delle persone, nel 2016 Sisal è stata premiata dal Politecnico di Milano per il suo modello di Smartworking, concretizzato nel progetto “Volta”, che promuove la diffusione di una nuova modalità di lavoro attenta al work-life balance dei dipendenti; un adeguarsi camaleontico all’inarrestabile evoluzione della società, sempre più esigente e attenta alla sostenibilità.

RS

 

SHARE THIS